Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP

smartbuildingmag.it
Juice Technology News

APPROFONDIMENTI DI JUICE TECHNOLOGY SULLE PRINCIPALI TENDENZE DEI VEICOLI ELETTRICI

Juice Technology AG, produttore di stazioni di ricarica elettrica nonché software house e leader nel mercato delle stazioni di ricarica portatili per veicoli elettrici, affiancata dal futurologo Lars Thomsen, offre alcuni spunti di riflessione sulle tendenze più importanti che modelleranno lo sviluppo della mobilità elettrica nei prossimi anni sul mercato italiano.

APPROFONDIMENTI DI JUICE TECHNOLOGY SULLE PRINCIPALI TENDENZE DEI VEICOLI ELETTRICI

Nel dicembre 2019, l'UE ha dichiarato il suo intento di ridurre le emissioni di gas serra dei veicoli stradali del 90% entro l'anno 2050, sulla base del parametro di riferimento del 1990. Il raggiungimento di questo obiettivo nell'ambito del Green Deal europeo comporterà, tra le altre misure, la costruzione di una rete efficiente di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici. La pianificazione prevede l'installazione di un'adeguata capacità di ricarica per auto e camion ogni 60 km in entrambe le direzioni lungo la rete transeuropea dei trasporti (TEN-T) entro il 2030. E anche se l'obiettivo di un milione di punti di ricarica installati entro il 2025 sembra piuttosto ambizioso, è a dir poco imperativo, visto il ritmo impressionante con cui la mobilità elettrica si sta sviluppando.

Status quo: a che punto è oggi la mobilità elettrica in Europa
I veicoli elettrici hanno rappresentato circa il 20% delle vendite di auto nuove in Europa nel 2021. Nei cinque maggiori mercati europei (Francia, Germania, Italia, Spagna e Gran Bretagna), la quota di mercato rivendicata dai veicoli elettrici (composta da veicoli completamente elettrici, ibridi plug-in e veicoli elettrici ibridi convenzionali) è passata dall'8% nel 2019 al 38% nel 2021. Nel settembre 2021, la Model 3 di Tesla è diventata la prima auto completamente elettrica ad aver raggiunto l'ambita posizione di auto più venduta in Europa (sulla base di tutti i tipi di guida). Mentre le immatricolazioni di veicoli per uso stradale alimentati a gasolio e benzina stanno diminuendo, la quota di veicoli "plug-in" cresce a due cifre.

In Europa, la quota combinata di veicoli elettrici a batteria (BEV) e di veicoli elettrici ibridi plug-in (PHEV) supererà quella dei veicoli diesel e a benzina di nuova immatricolazione già nella prima metà del 2023. In quasi tutti i segmenti e le classi di veicoli, le auto elettriche raggiungeranno il punto di svolta entro il 2025, quando la loro attrattiva in termini sia economici sia prestazionali supererà di netto quella dei veicoli a combustione interna, destinati a un'eliminazione graduale. Le offerte di veicoli elettrici stanno aumentando, i tempi di ricarica si accorciano costantemente e le opportunità di ricarica, sia nella sfera pubblica sia in quella privata, sono sempre più diffuse. Grazie alla crescente concorrenza, alla diminuzione dei prezzi e alla più ampia gamma di offerte sul mercato, i veicoli elettrici sono destinati a dominare i segmenti di prezzo medio-basso ad alto volume.

Stati Uniti in ritardo rispetto alla Cina, attuale leader del mercato BEV
La Cina è ora in grado di proporre sui mercati europei e statunitensi i propri nuovi modelli di auto elettriche e PHEV, peraltro molto attraenti. Lars Thomsen si aspetta che almeno sei case automobilistiche cinesi lancino numerosi modelli su entrambi i mercati entro il 2025. Questa mossa stimolerà ancora di più il mercato statunitense delle auto elettriche, peraltro già in forte espansione, che è cresciuto del 190% rispetto allo scorso anno. La Cina rimarrà il più grande mercato BEV del mondo.

Gli Stati Uniti prevedono un mercato in crescita per i veicoli elettrici e le infrastrutture di ricarica al di là di quanto è avvenuto finora nelle regioni metropolitane più popolate. Soprattutto l'ingresso simultaneo di più attori nel mercato statunitense primario dei pick-up stimolerà una crescita del 15% o più nella quota di veicoli elettrici nuovi immatricolati negli Stati Uniti a partire dalla metà del 2022. A seconda della disponibilità di batterie e veicoli, la quota di auto elettriche rispetto alla totalità di auto nuove vendute negli Stati Uniti supererà il 40% entro il 2025. Nello stesso periodo di tempo, il volume della tecnologia di ricarica dei veicoli elettrici sul mercato statunitense potrebbe aumentare di venti volte o più rispetto ad oggi.

Sviluppo delle infrastrutture di ricarica in Europa
Molteplici tendenze stanno prendendo forma nel settore delle infrastrutture di ricarica.

Per quanto riguarda la ricarica CA in Europa, i dispositivi di ricarica trifase da 11 kW stanno diventando la soluzione più frequente: il caricatore di bordo è facilmente installabile grazie anche alle sue dimensioni contenute e permette di effettuare una ricarica completa delle batterie con 80 kWh o più durante la notte.

Per la ricarica in corrente continua, la connessione CCS (sistema di ricarica combinata) che fornisce fino a 350 kW di potenza di ricarica è lo standard adottato lungo le autostrade. L'uso delle installazioni che offrono da 50 a 100 kW sta diffondendosi nelle strutture di parcheggio pubblico, in ambienti urbani e nei punti di interesse.

Entro il 2024, praticamente ogni area di servizio autostradale in Europa sarà dotata di colonnine di ricarica rapida, il che comporterà enormi investimenti per gli operatori delle strutture. I costi saranno trasferiti agli utenti sotto forma di prezzi relativamente alti per chilowattora (kWh), a meno che gli utenti non stipulino un contratto premium con l'operatore in questione per una tariffa base mensile. Le previsioni attuali indicano che in Europa si creeranno da tre a cinque reti che competeranno tra loro per fidelizzare i clienti a lungo termine, in modo simile agli attuali operatori di telefonia mobile.
L'Italia è pronta alla svolta elettrica

Il mercato italiano dell'auto ha chiuso il 2021 con 1.457.952 immatricolazioni, di cui il 4,6% è costituito da veicoli BEV (67.542), contro una quota del 2,3% nel 2020 e dello 0,5% nel 2019. Da una ricerca condotta da Motus-E, associazione non-profit che ha come obiettivo la diffusione della mobilità elettrica, con il sostegno della European Climate Foundation, emerge che nel 2030 le auto elettriche rappresenteranno il 50% della domanda. L'indagine effettuata su un campione europeo di 14.052 consumatori europei, riporta l'opinione di 2.004 italiani, secondo cui la domanda di auto elettriche da parte dei consumatori arriverà a superare quella di ogni altro tipo di alimentazione entro il 2025, nel 2030 rappresenterà il 50% della domanda totale e nel 2050 quasi l'80%.

La tendenza sarebbe stimolata dagli incentivi e da un'offerta sempre più ricca di modelli disponibili sul mercato. Il prezzo di acquisto dell'auto è il fattore che maggiormente influenza le scelte dei consumatori, più basso è il costo di un'auto elettrica e maggiore è la sua domanda. A parità di prezzo, una parte significativa di consumatori sceglierà un'auto elettrica già a partire dalla metà del decennio 2020–2030. Un altro fattore che influenza in modo significativo la domanda di auto elettriche è la rete di ricarica: per il 77% degli intervistati è importante avere accesso ai punti di ricarica nei luoghi che visita quotidianamente e il 72% farebbe lunghi viaggi con l'auto elettrica se ci fossero colonnine di ricarica veloce in autostrada e nelle arterie principali. I consumatori reputano mediamente il 50% più importante avere accesso alla ricarica privata piuttosto che a quella pubblica e il 65% degli intervistati dichiara che comprerebbe un'auto elettrica solo se avesse la possibilità di ricaricarla a casa, anche condividendo la colonnina.

A questo proposito, Christoph Erni, CEO e fondatore di Juice Technology AG dice: "Anche in Italia i tempi sono finalmente maturi per una transizione all'elettrico. L'interesse tra i consumatori sta crescendo, ma il vero punto di svolta sarà il 2024 con l'arrivo di tanti nuovi modelli di veicoli a batteria a prezzi più accessibili insieme a nuove soluzioni di ricarica intelligenti che supporteranno l'infrastruttura di rete. Inoltre in Italia le strade sono più strette che in altre parti del mondo, pertanto, ritengo sia stato un bene aspettare che anche la tecnologia avanzasse al punto da rendere convenienti e affidabili le auto elettriche di dimensioni più compatte e perciò più adatte alla circolazione stradale".

www.juice-world.com

  Richiedi maggiori informazioni…

LinkedIn
Pinterest

Unisciti agli oltre 15.000 follower di IMP